BENVENUTI

Alteriamoci full logo

La nostra storia

Alteriamoci nasce dall’esperienza dell’ingiustizia e della violazione dei diritti fondamentali della persona, nasce contro l’arroganza di chi crede che le diversità siano un disvalore.

Alter-arsi non è il preludio dell’odio ma è una spinta a reagire all’immobilismo a cui ci si abitua, si soccombe per paura, per scoraggiamento, nella falsa convinzione che tutto è perduto e che nulla ormai possa essere fatto.

Alter-arsi è guardare l’altro per trovare se stessi, per arricchirsi grazie al confronto con ciò che non ci somiglia.

Alter-arsi è trovare l’altro che abita in noi, io è un altro, quella parte di noi che non sapevamo di avere.

Alter-arsi è un atto di ribellione per restituire alle persone il diritto ad Essere.

Alter-arsi significa destrutturare gli stereotipi che ci inchiodano, significa sostenere la famiglia in tutte le sue tipologie, significa contrastare le discriminazioni basate sul genere, sull'orientamento sessuale, sulle condizioni sociali, sulla nazionalità, sulle religioni e su ogni cosa che, per il fatto stesso di essere etichettata come diversa, perde il suo diritto all’esistenza e all’esplicazione della sua intrinseca bellezza.

Mani di bambine sporche di colore

La nostra missione

L'Associazione non ha fine di lucro, è aperta a tutti, persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, dirette al sostegno e all’intervento diretto nei percorsi di integrazione sociale e lavorativa delle persone con disabilità.
L’Associazione lavora per promuovere una nuova cultura della disabilità e della diversità con particolare attenzione alla persona con disabilità mentale,  e al suo diritto di essere cittadina/o inserita/o nella vita sociale ed economica della sua comunità.

Miro Woman and Birds

TESTIMONIAL

“I and my wife were quite stressed out by the fact how coònflicting did our teenage daughter’s been lately… Luckily, we were able to find your Art School, with painting lessons for teenagers! That kind of an activity made things calmer at our home!”

Bruno Munari